Come preparare il rientro a scuola in sicurezza con i propri figli

Per aiutare le famiglie in vista del rientro a scuola in sicurezza, pubblichiamo alcuni utili indicazioni.

Indicazioni di sicurezza

Segui con scrupolo le indicazioni della Sanità sulla quarantena.
Controlla tuo figlio ogni mattina. Se ha una temperatura di 37,5 gradi o superiore non può andare a scuola.
Assicurati che tuo figlio non abbia sintomi riconducibili al COVID-19 (mal di gola, tosse, diarrea, mal di testa, vomito o dolori muscolari). Se non è in buona salute, non può andare a scuola.
Se non lo hai già fatto, compila il modulo che trovi sul sito della scuola “richiesta contatti alunni”.
Rafforza il concetto di distanziamento fisico, di pulizia e di uso della mascherina e fai praticare tutte le norme igieniche, dando sempre il buon esempio.
Ricorda a tuo figlio le precauzioni da prendere a scuola:

•      mantenere la distanza fisica dagli altri studenti;

•      indossare la mascherina;

•      lavare/igienizzare le mani spesso;

•      non condividere oggetti con altri studenti, tra cui bottiglie d’acqua, dispositivi, strumenti di scrittura, libri, etc.;

•      utilizzare la borraccia personale ricevuta dal Comune di Milano o altra personalizzata.

 

Controlla e rispetta rigorosamente le indicazioni sugli orari e ingressi indicati.

Ricorda a tuo figlio di entrare in fila ordinata e di mantenere 1 metro di distanza da chi segue e da chi precede (come indicato nella segnaletica).

Dopo aver accompagnato o ripreso tuo figlio, evita di trattenerti nei pressi degli edifici scolastici per evitare assembramenti.
Fornisci a tuo figlio un sacchetto di plastica personalizzato per riporre la mascherina quando non indossata; assicurati che sappia che non deve appoggiare la mascherina su qualsiasi superficie, né sporcarla.
Spiega a tuo figlio che a scuola deve mantenere la distanza di sicurezza, tenere la mascherina e seguire le indicazioni degli insegnanti.
Assicurati che tu figlio abbia sempre nello zaino una scorta di fazzoletti di carta e insegnagli a buttarli dopo ogni uso.
Ricorda a tuo figlio che non deve chiedere in prestito oggetti dei compagni e non deve prestare le proprie cose.
Ricorda sempre a tuo figlio di lavarsi le mani appena rientra da scuola.
Verifica che tuo figlio abbia tutto il necessario all’ingresso a scuola. In caso di dimenticanza di materiale scolastico, nessuno potrà recarsi a scuola per consegnarglielo.

 

Partecipa alle riunioni scolastiche, anche se a distanza; ti aiuterà a tenerti informato e connesso.
Comunica alla scuola tutte le informazioni sanitarie che ritieni utili (allergie, intolleranze, problemi specifici…).
Se tuo figlio è in condizioni di particolari fragilità, invia la richiesta all’indirizzo indicato sulla comunicazione alle famiglie “Alunni in condizioni di fragilità”.
Se tuo figlio durante la sua permanenza a scuola dovesse presentare febbre superiore a di 37,5 gradi o superiore o sintomi compatibili con Covid-19, la famiglia sarà immediatamente avvisata, come indicato dai protocolli di sicurezza del Ministero e del Comitato Tecnico Scientifico. Dovrai andare a riprendere tuo figlio r nel più breve tempo possibile, delegando eventualmente una terza persona all’inizio dell’anno scolastico.

 

Suggerimenti per le famiglie di alunni con disabilità
Accertati con il neuropsichiatra e con i medici curanti se le condizioni di tuo figlio (ad esempio per facilità al contagio, per problemi con gli eventuali farmaci, per problemi comportamentali, etc.) presentano particolari fragilità rispetto al rischio da COVID−19, tali da rendere necessarie soluzioni specifiche per lui.

 

“Non sono soggetti all’obbligo di utilizzo della mascherina gli studenti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo”. Valuta attentamente con il medico curante se tuo figlio rientri nella condizione di oggettiva incompatibilità di utilizzo. Se compatibile, infatti, è importante insegnare a tuo figlio l’uso della mascherina, a tutela della sua sicurezza.
Se tuo figlio non può utilizzare né mascherine né visiera trasparente, preparalo al fatto che le useranno le persone intorno a lui: docenti ed educatori. Il personale della scuola deve essere protetto dal contagio come ogni lavoratore.
Se, nonostante l’organizzazione scolastica, il medico curante ritiene si debbano adottare provvedimenti speciali per il contenimento del rischio di contagio (ad esempio, per l’accesso ai locali scolastici, per uscire sul territorio, per gli intervalli, per la mensa, per l’educazione fisica, etc.), occorre che questi vengano attestati e presentati alla scuola per concordare, secondo il principio de legittimo accomodamento, quanto possibile organizzare.