Classi Aperte

A partire dall’anno scolastico 2011/2012 nei corsi a Tempo Prolungato, grazie alla riduzione delle ore di lezione da 60’ a 55’, sono stati attivati i Laboratori Classi Aperte (C.A.) e le ore di compresenza tra gli insegnanti di lettere e matematica.

Durante l’anno scolastico 2015/2016 le ore di compresenza e di C.A. sono due alla settimana e si alternano:in un quadrimestre vengono proposte le C.A. e in quello successivo le compresenze o viceversa.

Le ore di compresenza tra l’insegnante di lettere e quello di matematica permettono alla classe di dividersi in due gruppi omogenei per approfondire determinati argomenti o per permetterne una maggiore comprensione agli alunni in difficoltà.

Queste due ore possono anche essere utilizzate per affrontare progetti particolari che coinvolgono entrambe le discipline, o possono coinvolgere altri insegnanti per sviluppare progetti specifici all’interno della classe.

I laboratori di Classi Aperte sono così organizzati:

Per ogni gruppo in orizzontale (le prime, le seconde, le terze) si formano dei piccoli gruppi formati da una decina di ragazze e ragazzi provenienti dalle diverse classi.

I gruppi frequentano un laboratorio che dura circa un quadrimestre.

In questo modo ciascun alunno per un quadrimestre sarà impegnato in un Laboratorio e per l’altro nelle ore di compresenza.

Le ore di C.A. prevedono diverse attività tra le quali:

–          un laboratorio espressivo o teatrale o artistico o musicale

–          un laboratorio scientifico

–          un laboratorio espressivo legato alla scrittura

–          un laboratorio di tipo pratico.

Per le classi terze all’interno delle ore di C.A. e compresenze sono attivi per tutto l’anno i due gruppi che lavorano in preparazione alla certificazione KET (vedi progetto pagina 46).

Il progetto Classi Aperte, attivo ormai da quattro anni con diverse modalità organizzative, si pone come obiettivo quello di proporre all’interno dell’orario scolastico settimanale due ore di lezione “non frontale”, che attraverso una didattica laboratoriale e quindi con un approccio di tipo più pratico possano offrire maggiori stimoli all’apprendimento.